Steven Wilson

Tre giorni fa, il 22 settembre, sono andato all’Auditorium della Conciliazione a vedere Steven Wilson; in primavera, a causa di irrinunciabili impegni pregressi, avevo perso il suo concerto al Teatro Sistina e, no, due volte di fila sarebbe stato troppo. Sulla scia dell’entusiasmo per una performance eccezionale per qualità, imponenza e impeto comunicativo ed emotivo, recupero con piacere la mia recensione dell’ultimo album del musicista britannico.

Steven Wilson copHand. Cannot. Erase.
(Kscope)
Su altre colonne, in occasione dell‘uscita di quel The Raven That Refused To Sing (And Other Stories) che a seguito della nuova uscita in oggetto è divenuto il penultimo vero album di Steven Wilson, definivo il musicista, produttore e ingegnere del suono britannico “una sorta di Robert Fripp della sua generazione”. Peraltro, non mancando di precisare. “Non per la tecnica chitarristica, della quale è comunque dotatissimo, ma per l’iperattività creativa, per la capacità di allestire progetti ed elaborare idee, per il perfezionismo maniacale: non è certo un caso che proprio Fripp gli abbia affidato le chiavi del suo regno – ovvero, i master dei King Crimson da remixare – lasciandolo libero di governarlo a suo piacimento; e inoltre, lo si voglia o meno, i suoi Porcupine Tree sono stati la band-cardine del rock progressivo dell’ultima quindicina d’anni”. Da allora, in ventiquattro mesi, Wilson ne ha naturalmente combinate un bel po‘: ha portato Raven… in tour, ha pubblicato un paio di raccolte con suoi materiali d‘archivio, ha remixato in Stereo e Surround un tot di vecchi lavori altrui (Yes, XTC, Tears For Fears, Jethro Tull, Gentle Giant…), ha mixato fra gli altri Opeth e Tim Bowness, non ha trascurato la sua etichetta Kscope. E ha confezionato questo ulteriore capitolo, il quarto propriamente detto, della sua produzione solistica; un album che, com‘era fin troppo facile immaginare, è un concept, incentrato sulla storia strana e drammatica di una ragazza giovane e in gamba, con familiari e amici, che un giorno scompare e che nessuno si preoccupa di cercare per tre anni.
Oltre che nel formato standard e in un vinile doppio, Hand. Cannot. Erase. è stato commercializzato in un‘edizione alla quale è allegato un secondo CD di demo e in una Blu-ray con bonus non granché significativi (remix, versioni accorciate e differenti). Stuzzicanti curiosità per completisti, ma come sempre i reali motivi di interesse sono nell‘opera-base, che in nove episodi più una intro e una outro, per un‘ora e sette minuti in totale, ricorda senza timore di smentita le ragioni della stima, del rispetto e dell‘amore dei quali Mr.Porcupine Tree è gratificato in tutto il mondo. Certo, il disco non è coeso come il suo pur eclettico predecessore e spazia invece senza grandi problemi fra atmosfere diverse, ponendosi quasi come un ipotetico “catalogo” di tipiche sonorità wilsoniane; il cuore è nelle tre lunghe suite 3 Years Older, Routine e Ancestral, ma la folkeggiante Transience, la più cupa Perfect Life e la radiofonica Happy Returns offrono belle seppur parziali deviazioni da una formula che, come attestano la title track, Home Invasion e Regret #9, è comunque di incontestabile indirizzo progressive. Un prog, però, libero da catene, dove la classicità non sa prescindere dalla modernità (e viceversa) e dove le trame strumentali più o meno ardite, i virtuosismi, le fantasie melodiche e tutto il resto, senza dimenticare testi e artwork, fanno parte di un unico, vivace quadro creativo, comunicativo ed evocativo. Insomma, ancora una volta Steven Wilson ha abbondato in sostanza musicale, ispirazione, ricchezza, suggestioni e “bel suono”. Ci vorrà magari un po‘ per trovare la giusta collocazione di Hand. Cannot. Erase. nelle gerarchie della sterminata discografia del suo autore, ma la prima decina di attenti ascolti non lasciano dubbi: il re del prog contemporaneo, anche se il termine appare riduttivo, è sempre ben saldo sul suo trono.
Tratto da AudioReview n.359 del gennaio 2015

Annunci
Categorie: recensioni | Tag: | 9 commenti

Navigazione articolo

9 pensieri su “Steven Wilson

  1. donald

    Molto bello, per il migliore di Wilson solista e nella mia top 5 di questo 2015, assieme a (in ordine sparso) “Untethered moon” dei Built to spill, “The magic whip” dei Blur, “Endkadenz” dei Verdena (sia il vol 1 che il 2, che me per me è ancora meglio del primo), “Peanut butter” dei Joanna gruesome, “Hyphophobia” di Jacco Gardner

  2. Anonimo

    Mi fa estremamente piacere vedere recensito quello che è a tutti gli effetti uno dei miei miti viventi. Ne apprezzo tantissimo la poliedricità e l’immenso gusto compositivo (non trovo, nella sua sterminata proposta musicale, un pezzo che sia brutto), oltre al fatto che è un musicista come piacciono a me: non eccessivamente tecnico, ma capace di tirare fuori il meglio dai suoi strumenti.
    Domanda: nel blog, è possibile leggere qualche tuo intervento, commento e /o recensione sui Porcupine Tree? Sono curioso.

    • Nel blog no, o almeno non ancora. All’epoca, pur seguendoli, non ho forse mai scritto dei Porcupine Tree, ma qualcosina l’ho fatta a posteriori in occasione di una lunga intervista a Steven apparsa mesi fa su AudioReview. Condivido quel che dici, è un musicista “giusto” sotto ogni profilo. E anche una persona genuinamente innamorata di quello che fa, oltre che un professionista esemplare.

      • Maudit

        Giusto. Da non sottovalutare, tra i tanti pregi di Wilson, quello di essere anche un eccellente produttore, sia dei propri dischi che di quelli di altri (Opeth, Anathema, più le riedizioni di alcuni classici del prog). Il suono che fuoriesce dai dischi maneggiati da lui è semplicemente perfetto. Insomma, il paragone con Robert Fripp non è affatto azzardato, anzi.
        Ne approfitto per complimentarmi per il bellissimo approfondimento sui dischi italiani “veramente rock” da te scritto su Classic Rock, anche se devo dire che c’è un’assenza che mi ha lasciato un po’ di stucco. Vediamo se nel prossimo blocco da dieci dischi ci sarà quell’album. Se però, come penso, l’ordine seguito è quello alfabetico, non c’è nessuna speranza di vederlo. Staremo a vedere.:-)

      • Ti ringrazio. L’ordine è alfabetico… ma, credimi, anche io sono stato lasciato un po’ di stucco dalle mie scelte. 😀 Diciamo comunque che, in linea di massima, ho preferito evitare scelte troppo “ovvie”. E considera che la scelta di rappresentare ogni sottogenere più o meno con un solo titolo rende le cose parecchio problematiche.

  3. Maudit

    Nel post appena inviato ho dimenticato di specificare il mio nome.

  4. Maudit

    In ogni caso il disco che avevo in mente era (ma forse si era intuito) Siberia dei Diaframma.:-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

8th of May

wild cats walk longer

Withnail e io

Il blog di Carlo Bordone

juveniledelinquentmusic

Hi NRG ROCK'N'ROLL!!!!!!!!!!!!!!!

BABYSNAKES di Massimo Del Papa

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

PELLEeCALAMAIO di Gianni Gardon

Parole in libertà: pensieri sparsi su ciò che mi ronza per la testa e ciò che mi gira attorno.

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Venerato Maestro Oppure

Il primo blog di Eddy Cilìa

BASTONATE

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: