Articoli con tag: radio

Scalette (10)

Ho avviato la mia attività di conduttore/autore radiofonico nel 1977, a nemmeno diciassette anni (qui come andò, per chi magari fosse interessato), e da allora mi sono trovato davanti a un microfono molte centinaia di volte (dal 1982 in avanti, solo per la RAI), sempre scegliendo autonomamente i brani da trasmettere; un tonante vaffanculo alle canzoni imposte o suggerite “””dall’alto”””, perché per me la radio è sempre stata intrattenimento culturale e non intrattenimento becero a base dei (per lo più merdosi) successi commerciali del momento “perché è quelli che la gente vuole ascoltare”. Chiaramente, conservo le scalette di tutte le mie trasmissioni, e complice la nostalgia – sono fermo da ormai tre anni: a quanto pare, la radio come so farla io non è più gradita – ho pensato potesse essere una buona idea proporne qualcuna qui, con le opportune spiegazioni.

imagesEra la notte tra l’11 e il 12 marzo 2006, a Stereonotte. Nella prima parte della trasmissione, fino alle 2.00, ebbi ospite Oscar Giammarinaro degli Statuto, che portò una scelta delle sue “canzoni della vita”. E dopo, fino alle 5.25, proseguii da solo con una scaletta – secondo me bellissima: altrimenti l’avrei compilata diversamente – interamente composta da duetti, o meglio brani cantati a due (se non tre) voci. Questa qui.
Per gli altri post di questa serie, basta digitare “Scalette” nella finestra di ricerca.

2.00-3.00
Isobel Campbell & Mark Lanegan – The False Husband
Primal Scream/Kate Moss – Some Velvet Morning
Peter Gabriel/Kate Bush – Don’t Give Up
Foo Fighters/Norah Jones – Virginia Moon
Loretta Lynn/Jack White – Portland, Oregon
Johnny Cash/June Carter – Jackson
X – Sex And Dying In High Society
Divine Horsemen – Someone Like You
Bad Religion/Eddie Vedder – Watch It Die
3.00-4.00
Alice In Chains/Chris Cornell/Mark Arm – Right Turn
La Crus/Manuel Agnelli/Patty Pravo – Pensiero stupendo
Marco Di Mauro/Carmen Consoli – Cantico all’amore
Alice/Battiato – I treni di Tozeur
Perturbazione/Rachele Bastreghi – A luce spenta
Tetes de bois/Nada – La luna
Benjamin Biolay/Francoise Hardy – Adieu triste amour
Serge Gainsbourg/Jane Birkin – La decadanse
Laurie Anderson/Arto Lindsay – Bright Red
4.00-5.00
Anita Lane/Blixa Bargeld – Subterranean World
Nick Cave/Shane MacGowan – What A Wonderful World
PJ Harvey/Thom Yorke – This Mess We’re In
R.E.M./Patti Smith – E-Bow The Letter
Iggy Pop/Kate Pierson – Candy
The The/Sinéad O’Connor – Kingdom Of Rain
Deftones/Maynard James Keenan – Passenger
Marc Almond/Gene Pitney – Something’s Gotten Hold Of My Heart
Antony/Boy George – You Are My Sister
5.00-5.30
Martha & Rufus Wainwright – Bring Back My Heart
Danny & Dusty – Song For The Dreamers
Marvin Gaye/Tammy Terrell – Ain’t No Mountain High Enough
Diana Ross & The Supremes/Temptations – I’m Gonna Make You Love Me

Categorie: playlist | Tag: | 2 commenti

Scalette ( 9 )

Ho avviato la mia attività di conduttore/autore radiofonico nel 1977, a nemmeno diciassette anni (qui come andò, per chi magari fosse interessato), e da allora mi sono trovato davanti a un microfono molte centinaia di volte (dal 1982 in avanti, solo per la RAI), sempre scegliendo autonomamente i brani da trasmettere; un tonante vaffanculo alle canzoni imposte o suggerite “””dall’alto”””, perché per me la radio è sempre stata intrattenimento culturale e non intrattenimento becero a base dei (per lo più merdosi) successi commerciali del momento “perché è quelli che la gente vuole ascoltare”. Chiaramente, conservo le scalette di tutte le mie trasmissioni, e complice la nostalgia – sono fermo da ormai tre anni: a quanto pare, la radio come so farla io non è più gradita – ho pensato potesse essere una buona idea proporne qualcuna qui, con le opportune spiegazioni.

imagesNel 2005 mi capitò di condurre Stereonotte il giorno di natale o, meglio, nella notte tra il 24 e il 25. La puntata iniziò con considerevole ritardo perché – mi pare di ricordare – il palinsesto prevedeva la trasmissione in diretta della messa di mezzanotte (siamo una Repubblica laica, no?), ma subito dopo mi rifeci piuttosto bene con queste trentotto canzoni natalizie più o meno “alternative”, decisamente varie sotto il profilo stilistico. Chissà se qualcun altro avrà mai programmato in Rai i Suburban Nightmares… 😀
Per gli altri post di questa serie, basta digitare “Scalette” nella finestra di ricerca.

01.50-03.00
1) Plan 9 – Merry Christmas
2) Flaming Lips – A Change At Christmas
3) Suburban Nightmares – Schizophrenix X-Mas
4) Low – Just Like Christmas
5) Vipers – Christmas I’ll Be Home
6) Eels – Everything’s Gonna Be Cool This X-Mas
7) Cheepskates – Star
8) Smashing Pumpkins – Christmastime
9) Three Wise Men – Thanks For Christmas
10) Patti Smith – We Three Kings
11) James White – Christmas With Satan
03.00-04.00
12) Steeleye Span – Gaudete
13) Belle And Sebastian – O Come O Come Emmanuel
14) Jethro Tull – Christmas Song
15) Francesco De Gregori – Natale
16) Antonello Venditti – Quando verrà Natale
17) Fabrizio De André – Leggenda di Natale
18) Cristiano De André – Natale occidentale
19) Modena City Ramblers – Canto di Natale
20) Pogues – Fairytale Of New York
21) Tom Waits – Christmas Card From A Hooker In Minneapolis
04.00-05.00
22) Damned – The Ain’t No Sanity Clause
23) Yobs – Another Christmas
24) Fear – Fuck Christmas
25) Dickies – Silent Night
26) Carmen Consoli – White Christmas
27) Piero Ciampi – Il Natale è il 24
28) Ferretti/Sparagna – Venite alla capanna
29) Skiantos – Natale è
30) Elio e le Storie Tese – Christmas With The Yours
31) Residents – Santa Dog 78
32) Names – Tokyo Twilight
33) Alan Vega – No More Christmas Blues
5.00-5.30
34) White Stripes – Candy Cane Children
35) A Girl Called Eddy – The Little Boy That Santa Claus Forgot
36) Julian Cope – Christmas Mourning
37) Rufus Wainwright – Spotlight On Christmas
38) John Lennon – Happy X-Mas (War Is Over)

Categorie: playlist | Tag: | 3 commenti

Scalette ( 8 )

Ho avviato la mia attività di conduttore/autore radiofonico nel 1977, a nemmeno diciassette anni (qui come andò, per chi magari fosse interessato), e da allora mi sono trovato davanti a un microfono molte centinaia di volte (dal 1982 in avanti, solo per la RAI), sempre scegliendo autonomamente i brani da trasmettere; un tonante vaffanculo alle canzoni imposte o suggerite “””dall’alto”””, perché per me la radio è sempre stata intrattenimento culturale e non intrattenimento becero a base dei (per lo più merdosi) successi commerciali del momento “perché è quelli che la gente vuole ascoltare”. Chiaramente, conservo le scalette di tutte le mie trasmissioni, e complice la nostalgia – sono fermo da ormai tre anni: a quanto pare, la radio come so farla io non è più gradita – ho pensato potesse essere una buona idea proporne qualcuna qui, con le opportune spiegazioni.

imagesTempo fa ho pubblicato una scaletta del mio particolare Stereonotte dell’estate 2009, articolato in tre puntate ciascuna delle quali legate al numero “3”. Qui ho pubblicato quella conclusiva della breve serie, andata in onda il 13 settembre, mentre quella che ripropongo adesso è la prima, del 30 agosto, che ebbe per protagoniste solo band composte da tre musicisti. Ricevetti messaggi di ascoltatori che rimandavano il rietro a casa per non perdere nulla di quello che avrei trasmesso, e fu una bella soddisfazione.

00,25-1,00
Cream – Dance The Night Away
Jimi Hendrix Experience – Foxy Lady
Blue Cheer – Summertime Blues
ZZ Top – La Grange
Le Orme – Sguardo verso il cielo
Verdena – Angie
1,00-2,00
Nerves – Hanging On The Telephone
Jam – Here Comes The Weekend
Motorhead – The Ace Of Spades
Atomic Rooster – Sleeping For Years
Manic Street Preachers – The Masses Against The Classes
Hüsker Dü – Standing In The Rain
R.E.M. – You’re In The Air
Depeche Mode – Precious
Human League – Blind Youth
Heaven 17 – Come Live With Me
2,00-3,00
Sleater-Kinney – The End Of You
Yeah Yeah Yeahs – Machina
Zen Circus – Punk Lullaby
Violent Femmes – Gone Daddy Gone
Firehose – Time With You
Yo La Tengo – Little Honda
Low – Just Stand Back
Blonde Redhead – Loved Despite Of Great Faults
Liars – Protection
Alley Cats – Nothing Means Nothing Anymore
3,00-4,00
Muse – New Born
Placebo – Taste In Men
Flaming Lips – Mr. Ambulance Driver
Melvins – Going Blind
Wipers – No One Wants An Alien
Morphine – Cure For Pain
Codeine – Angels
Dinosaur Jr. – Freak Scene
4,00-5,00
Nirvana – Heart-Shaped Box
Green Day – Welcome To Paradise
Primus – Wynona’s Big Brown Beaver
Police – Walking On The Moon
Rush – Heart Full Of Soul
Jon Spencer Blues Explosion – The Midnight Creep
Oblivians – The Leather
Motorpsycho – My Best Friend
Emerson, Lake & Palmer – Lucky Man
5,00-5,25
Crosby, Stills & Nash – Wooden Ships
Black Rebel Motorcycle Club – The Weight Of The World
Supremes – Stoned Love
Formula 3 – Non è Francesca

Categorie: playlist | Tag: | Lascia un commento

Scalette (7)

Ho avviato la mia attività di conduttore/autore radiofonico nel 1977, a nemmeno diciassette anni (qui come andò, per chi magari fosse interessato), e da allora mi sono trovato davanti a un microfono molte centinaia di volte (dal 1982 in avanti, solo per la RAI), sempre scegliendo autonomamente i brani da trasmettere; un tonante vaffanculo alle canzoni imposte o suggerite “””dall’alto”””, perché per me la radio è sempre stata intrattenimento culturale e non intrattenimento becero a base dei (per lo più merdosi) successi commerciali del momento “perché è quelli che la gente vuole ascoltare”. Chiaramente, conservo le scalette di tutte le mie trasmissioni, e complice la nostalgia – sono fermo da ormai tre anni: a quanto pare, la radio come so farla io non è più gradita – ho pensato potesse essere una buona idea proporne qualcuna qui, con le opportune spiegazioni.

Stereonotte
Questa scaletta fu trasmessa nella notte tra il 1° e il 2 dicembre del 2007, naturalmente a Stereonotte, e come per quest’altra ogni brano era legato al successivo da un’attinenza, un po’ come nel gioco “Il bersaglio” de La Settimana Enigmistica. Molte di queste attinenze non le ricordo, è passato troppo tempo, ma la sequenza di quarantanove brani – estremamente varia, ne converrete – garantisce suggestioni a iosa.

00,25-1,00
Saints – I’m Stranded
Fun Things – When The Birdmen Fly
Radio Birdman – Descent Into The Maelstrom
Died Pretty – Mirror Blues
Leadbelly – Packin’ Trunk Blues
Mark Lanegan – Where Did You Sleep Last Night
1,00-2,00
Nirvana – The Man Who Sold The World
David Bowie – Andy Warhol
Lou Reed/John Cale – Forever Changed
Moe Tucker – I Wanna
Yo La Tengo – The Race Is On Again
Bongos – The Bulrushes
Moby – Lift Me Up
Depeche Mode – Everything Counts
Orchestral Manoeuvres In The Dark – Enola Gay
Byrds – I Come And Stand At Every Door
2,00-3,00
Love – A Message To Pretty
REM – Pretty Persuasion
Husker Du – These Important Years
Replacements – Sixteen Blue
Beatles – The Long And Winding Road
Talking Heads – Mr. Jones
Counting Crows – Mr. Jones
Bob Dylan – Ballad Of A Thin Man
Tito Schipa Jr. – Signori della guerra
Tom Rapp – Fourth Day Of July
3,00-4,00
X – 4th Of July
Germs – Let’s Pretend
Tim Hardin – While We’re On Your Way
Tim Buckley – She Is
Mark Lanegan – Café
Queens Of The Stone Age – The Lost Art Of Keeping A Secret
Unida – If Only Two
Heads – Dirty Water
Walkabouts – Where The Deep Water Goes
Terry Lee Hale – Control
4,00-5,00
Clash – Complete Control
Troggs – I Can’t Control Myself
Spiritualized – Anyway That You Want Me
Gun Club – Texas Serenade
Moon Martin – Hot Nite In Dallas
Ramones – I Wanna Be Your Boyfriend
Blondie – X-Offender
Pretenders – Precious
Kinks – Australia
Pretty Things – SF Sorrow Is Born
5,00-5,25
Rolling Stones – Honky Tonk Women
New Dada – Lady Jane
Krisma – Telegram

Categorie: playlist | Tag: | Lascia un commento

Scalette (6)

Ho avviato la mia attività di conduttore/autore radiofonico nel 1977, a nemmeno diciassette anni (qui come andò, per chi magari fosse interessato), e da allora mi sono trovato davanti a un microfono molte centinaia di volte (dal 1982 in avanti, solo per la RAI), sempre scegliendo autonomamente i brani da trasmettere; un tonante vaffanculo alle canzoni imposte o suggerite “””dall’alto”””, perché per me la radio è sempre stata intrattenimento culturale e non intrattenimento becero a base dei (per lo più merdosi) successi commerciali del momento “perché è quelli che la gente vuole ascoltare”. Chiaramente, conservo le scalette di tutte le mie trasmissioni, e complice la nostalgia – sono fermo da ormai tre anni: a quanto pare, la radio come so farla io non è più gradita – ho pensato potesse essere una buona idea proporne qualcuna qui, con le opportune spiegazioni.

Stereonotte2Sempre Stereonotte, dalle 2.00 alle 4.00 della notte tra il 12 e il 13 novembre 2005: ventiquattro brani per altrettante band britanniche degli anni ’60 che, ciascuna alla sua maniera, si muoveva nel campo della psichedelia. Per me fu molto bello e, se ben ricordo, l’apprezzamento da parte dell’audience fu pure notevole. Nostalgia.

The Creation – Biff! Bang! Pow!
Les Fleurs du Lys – Circles
Birds – Say Those Magic Words
Downliners Sect – Glendora
Eyes – When The Night Falls
The Smoke – My Friend Jack
The Crazy World Of Arthur Brown – Fire
The Move – Fire Brigade
Fire – Father’s Name Was Dad
Pink Floyd – Arnold Layne
Rolling Stones – Citadel
Beatles – Lucy In The Sky With Diamonds
John’s Children – A Midsummer’s Night Scene
Tomorrow – My White Bycicle
Dantalion’s Chariot – The Madman Running Through The Fields
Kaleidoscope – Flight From Ashiya
Small Faces – Here Come The Nice
The Syn – 14 Hour Technicolour Dream
Status Quo – Pictures Of Matchstick Men
Blossom Toes – When The Alarm Clock Rings
Pretty Things – S.F. Sorrow Is Born
Open Mind – Magic Potion
The Misunderstood – Children Of The Sun
Idle Race – Days Of Broken Arrows

Qui l’intera playlist assemblata su qobuz dall’amico Giuseppe Musco. Grazie!
https://open.qobuz.com/playlist/6966318?fbclid=IwAR2cXArDqcsguz7TVzgEXcdmAxVvECJG9W1auIvyy_KeO3eHgKpbiZG4lAM

Categorie: playlist | Tag: | 1 commento

Blog su WordPress.com.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

8th of May

wild cats walk longer

Withnail e io

Il blog di Carlo Bordone

juveniledelinquentmusic

Hi NRG ROCK'N'ROLL!!!!!!!!!!!!!!!

BABYSNAKES di Massimo Del Papa

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

PELLEeCALAMAIO di Gianni Gardon

Parole in libertà: pensieri sparsi su ciò che mi ronza per la testa e ciò che mi gira attorno.

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Venerato Maestro Oppure

Il primo blog di Eddy Cilìa

BASTONATE

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)