Articoli con tag: editoria e mercato

Blow Up n.249


È uscito in tutte le edicole il nuovo numero di Blow, 148 pagine per 7 euro, ricchissimo di contenuti che potrete approfondire cliccando qui. Per quanto riguarda me, vi ho contribuito con sei pagine di retrospettiva sui Buzzcocks (Beppe Recchia e Christian Zingales hanno poi “completato il discorso”, occupandosi rispettivamente della produzione solistica di Pete Shelley e della carriera di Howard Devoto) e con le nove della terza (e ultima) parte del mio dossier sul “synthpunk” americano a cavallo degli anni ’70 e ’80, oltre che con le recensioni del nuovo Pavlov’s Dog e della raccolta-(auto)tributo al Paisley Underground “3×4“.

Annunci
Categorie: presentazioni | Tag: | Lascia un commento

Classic Rock n.75

Se penso a quando ho iniziato a scrivere su “Classic Rock” mi sembra ieri, e invece i numeri che contengono miei articoli sono già, speciali esclusi, ben cinquantadue. A quest’ultimo ho contribuito con un pezzo di tre pagine su “Tommy” degli Who contestualizzato al 1969, con un’intervista a Manuel Agnelli e con le recensioni di vari nuovi album (Long Ryders, Michael Chapman, Bob Mould, Massimo Volume e Afterhours) e di due ristampe dei Buzzcocks.

Categorie: presentazioni | Tag: | 1 commento

AudioReview n.405

È in edicola il numero di gennaio di AudioReview, che ovviamente è dedicato in prevalenza ad argomenti tecnici ma che si occupa anche parecchio di musica, con recensioni di classica, jazz, rock-pop, world, vinile e quant’altro scritte da irreprensibili esperti. Per quanto riguarda i miei contributi personali, segnalo la trentunesima puntata della rubrica “Le canzoni raccontate – Storie, retroscena e leggende della musica che gira intorno” (dedicata a “Roxanne” dei Police) e, nella sezione musica, recensioni di Bruce Springsteen (disco del mese), Colter Wall, Deerhunter, Sharon Van Etten, Third Ear Band (ristampa) e Max Gazzè (ristampa vinile).

Categorie: presentazioni | Tag: | Lascia un commento

Blow Up n.248

In edicola il nuovo numero di Blow Up, ricco di scritti su temi spesso inusuali e (ovviamente) sempre interessanti che potrete scoprire nel dettaglio cliccando qui. I miei contributi? La seconda parte del dossier sulla prima generazione del synthpunk americano (la prima era dedicata a Los Angeles, qui si parla per otto pagine di San Francisco), una pagina di recensione del nuovissimo (al momento non ancora uscito, in realtà) dei Flesh Eaters e la recensione standard dell’ultimo della Bandajorona. 148 pagine a 7 euro, sostenete l’editoria che ce n’è sempre bisogno.

Gli abbonati lo avranno già ricevuto gratis, ma tutti gli altri sappiano che in edicola è anche disponibile il n.13 della collana di libri “Director’s Cut”, dedicato agli Swans e firmato da Paolo Bertoni. Chi non lo trovasse può acquistarlo presso il sito o su Amazon.it.

Categorie: presentazioni | Tag: | 1 commento

Vinile n.17 + Bob Dylan

In edicola due nuove riviste della grande famiglia di Classic Rock alle quali ho avuto il piacere di collaborare. Nel n.17 di Vinile ho scritto un articolo su quello che dovrebbe essere il primo disco in assoluto di Demetrio Stratos (in epoca pre-Ribelli) come cantante di una band-fantasma; è una storia molto curiosa e interessante della quale, a quanto sembra, non sapeva nulla nessuno (un plauso a Vito Vita per averla portata alla luce con le due interviste che accompagnano il mio pezzo).
Per l’albo speciale dedicato a Bob Dylan ho invece scritto le schede di quattro album, tre mitici e uno no: The Freewheelin’, Blood On The Tracks, Down In The Groove e Oh Mercy.
Per avere un quadro più ampio dei contenuti dei due giornali basta cliccare sulla foto e leggere gli eloquentissimi strilli di copertina.

 

 

Categorie: presentazioni | Tag: | Lascia un commento

Classic Rock n.74

Quasi un mesetto fa ho trascorso tre/quattro giorni in “full immersion” nella musica di Neil Young dal 1969 al 1979: un’esperienza magnifica che consiglio a chiunque, dalla quale ho ricavato un lunghissimo articolo per il primo numero del 2019 di Classic Rock, già in tutte le edicole. Nella rivista ci sono ovviamente molte altre cose di grande interesse che potete vedere leggendo gli strilli. I miei altri contributi di questo mese alla nobile causa sono un’intervista a Giorgio Canali e le recensioni del nuovo Bevis Frond, di un LP di rarità di Iggy & The Stooges e di un pregevole cofanetto dedicato al pop-rock “barocco” britannico a cavallo tra Sixties e Seventies, Please Join My Orchestra.

Categorie: presentazioni | Tag: | Lascia un commento

Classic Rock n.73 + Queen


È in tutte le edicole già da un paio di settimane il numero di dicembre di “Classic Rock”, i cui contenuti principali sono chiaramente desumibili dagli “strilli” della copertina. Personalmente non ho scritto granché: solo le recensioni di due novità (Diaframma e Muse) e tre ristampe (Long Ryders, Joy Division + New Order, Greenslade).
Ho però contribuito con un’ampia scheda (un articolo, in pratica) su “Sheer Heart Attack” allo “Speciale Queen”, sempre a cura dello staff di Classic Rock”, arrivato in edicola in questi giorni.

Categorie: presentazioni | Tag: | 2 commenti

AudioReview n.404

È approdato in tutte le edicole il numero di dicembre di “AudioReview”, che oltre alle tante pagine dedicate ad argomenti più o meno tecnici legati al “buon ascolto” offre un’ampia sezione musicale da me curata, con decine e decine di recensioni di classica, jazz, rock-pop e quant’altro. La mia firma è apposta sotto la consueta rubrica “Le canzoni commentate”, che questo mese è incentrata su “Lola” dei Kinks, e sotto le recensioni dei nuovi dischi di David Crosby, Michele Gazich, Muse, Julia Holter, Dead Can Dance, Graziano Romani e Soap&Skin, nonché della ristampa dei Calexico. 164 pagine per 7 euro.

Categorie: presentazioni | Tag: | Lascia un commento

Blow Up n.247

È in edicola l’ultimo numero dell’anno di Blow Up, ricchissimo di materiali – ben 196 pagine – che potrete scoprire a grandi linee leggendo gli strilli della copertina e approfondire cliccando qui. Per quanto riguarda i miei contributi personali, oltre ad alcune recensioni piuttosto significative (novità di The Good, The Bad & The Queen e Diaframma, ristampe di Jimi Hendrix e Pearls Before Swine), c’è la prima parte – dieci pagine – di un articolo di più puntate dedicato al synthpunk americano degli anni a cavallo fra ’70 e ’80, argomento di grande interesse che ho affrontato con uno sguardo più aperto di quello che sarebbe imposto da un’interpretazione rigorosa del termine. In questo capitolo iniziale, il focus è sulla scena di Los Angeles.

Categorie: presentazioni | Tag: | Lascia un commento

AudioReview n.403

È in tutte le edicole già da alcuni giorni il numero di novembre di “AudioReview”, che oltre alle tante pagine dedicate ad argomenti più o meno tecnici legati al “buon ascolto” offre un’ampia sezione musicale da me curata, con decine e decine di recensioni di classica, jazz, rock-pop e quant’altro. La mia firma è apposta sotto la consueta rubrica “Le canzoni commentate”, che questo mese è incentrata su “Old Man” di Neil Young, e le recensioni dei nuovi dischi di Cat Power, John Grant, Thom Yorke, Kurt Vile, Kristin Hersh, Giorgio Canali e Tiromancino, nonché della ristampa degli House Of Love. 164 pagine per 7 euro.

Categorie: presentazioni | Tag: | Lascia un commento

IndieItalia (?) 2018

Difficilmente qui nel blog pubblico materiale (o anche solo link) non mio, perché si tratta di una vetrina personale e tale voglio rimanga. Ogni regola, però, ha le sue eccezioni e oggi ne faccio una. C’è questo pezzo appena uscito firmato da Riccardo De Stefano, un “giovane” (le virgolette hanno senso, perché lui ha comunque i suoi bei trentuno anni) nel quale ogni tanto mi capita di riscontrare lo spirito che guidava me quando di anni ne avevo venti. La differenza sostanziale, che mi impedisce di vederlo come un mio (virtuale) erede, è che Riccardo, anche se ama molti degli stessi babbioni che amo io (King Crimson e Bob Dylan, per fare un paio di nomi), ascolta un bel po’ di musica immonda e se ne occupa professionalmente su “ExitWell”, mentre io ho quasi sempre ascoltato e propagandato musica bella. Lo leggo comunque con interesse e in particolare l’ho fatto con l’articolo cui ho accennato più sopra, che condivido pressoché in toto e al quale vi invito a dedicare un po’ del vostro tempo cliccanqui qui.
Sull’argomento non ho granché da aggiungere. Fortunamente, di tanta musica italiana che oggi va per la maggiore posso bellamente strafottermene, limitandomi ad ascoltarla “per conoscenza“ ma non avendo obbligo di scriverne. Lo farei solo nel caso qualcuno me lo chiedesse (e mi pagasse bene), ma quelli che sono già miei datori di lavoro evidentemente non sono interessati e quelli che non lo sono dubito che abbiano voglia di accogliere nei loro spazi uno che stronca duro (e con le conoscenze per farlo a ragion veduta) invece dell’ennesimo maestro nell’arte della fellatio a chiunque sia un “fenomeno di successo” (o “fenomeno di cesso, sempre fenomeno era”, per dirlo con gli Squallor). Sperando che nessuno lo consideri un riferimento specifico a Calcutta (che mesi fa avrei avuto piacere di intervistare, non trovando purtroppo l’accordo sulla rivista dove ospitare la nostra chiacchierata), resto più o meno in tema di pompini e a proposito di quanto esposto da Riccardo e cito quanto dichiarato da Steve Albini nei primi anni ’90 a proposito degli Urge Overkill, con i quali era in feroce polemica dopo il loro ingresso nel “grande giro”: “vedremo chi tra cinque anni lavorerà ancora nel music business e chi, invece, succhierà cazzi per pochi spiccioli alla stazione degli autobus”. Scusate il francesismo.

Categorie: presentazioni | Tag: | Lascia un commento

Un’esternazione sul vinile

Lo dico? Lo dico. Il modo in cui il cosiddetto mercato sta gestendo il “ritorno del vinile” (con tutte le virgolette del caso, dato che in realtà non se n’era mai andato) mi fa ribrezzo. Stampe sempre limitate, a volte numerate, a volte differenziate da piccoli dettagli, rimasterizzate bene, rimasterizzate male, più leggere, più pesanti, più lussuose, più al risparmio, vendute in edicola, vendute solo sui siti e ai concerti, studiate per il Record Store Day, raccolte in cofanetti dai prezzi disumani e chi più ne ha più ne metta. Sono contento per gli amici che posseggono negozi vecchio stile, che grazie a queste follie stanno respirando un po’ di ossigeno, ma per il resto lo spettacolo di questo circo grottesco basato su due cose che odio da sempre, ovvero la moda e la speculazione sulle passioni, mi interessa meno di nulla. Me ne sono reso pienamente conto l’altro ieri, quando sono andato in un bellissimo negozio con un congruo buono che avevo in tasca da mesi e nonostante l’assortimento enorme e quasi due ore di tempo ho faticato a scegliere qualcosa (parlo di novità in vinile, eh) da portarmi a casa.
Stai a vedere che, dopo averlo non troppo amato se non quasi schifato per trent’anni, finisco per innamorarmi del CD ora che si sta estinguendo.

Categorie: memorie | Tag: | 5 commenti

Classic Rock n.72

È fuori già da qualche giorno il nuovo numero di Classic Rock, che come si può desumere dagli strilli di copertina è pienissimo di argomenti interessanti. I miei contributi sono la recensione estesa del nuovo album di Marianne Faithfull e quelle standard di Bauhaus, Hugh Cornwell, Prodigy e Thom Yorke.

Categorie: presentazioni | Tag: | Lascia un commento

Blow Up n.246

È in tutte le edicole il numero di novembre di “Blow Up” ricchissimo di argomenti come sempre assai vari che potrete scoprire leggendo gli strilli e/o cliccando qui. Per quanto mi riguarda, ho firmato svariate recensioni (una molto estesa de Il Muro del Canto e poi Joe Strummer, Bassholes, Soap&Skin, Francesco Di Bella, il cofanetto “Just A Bad Dream” sul garage UK degli anni ’80) e soprattutto un articolo di dieci pagine sugli MC5, che fanno anche bella mostra di sé in copertina. Il 30 e 31 ottobre di mezzo secolo fa i 5 della Motor City tennero i due concerti dai quali venne ricavato “Kick Out The Jams” e, insomma, ci sembrava una ricorrenza meritevole di essere celebrata.
Colgo l’occasione, dato che il mese scorso me ne sono dimenticato, di segnalare che è ancora disponibile il nuovo titolo della collana di libri Director’s Cut dedicato a un gruppo che mi è assai caro, i Radio Birdman, scritto da Roberto Calabrò. Se siete abbonati l’avete già ricevuto gratis il mese scorso, ma se purtroppo per voi non lo siete (rimediare però è facile, eh) e non lo trovate più in edicola, lo potete acquistare sul sito.

Categorie: presentazioni | Tag: | Lascia un commento

AudioReview n.402

È in edicola già da vari giorni il numero di ottobre di AudioReview, del quale potete leggere qui il sommario completo. Per quanto riguarda i miei contributi personali, oltre a coordinare come sempre la vasta sezione delle recensioni di dischi (Classica, Jazz e Rock-Pop), mi sono occupato di Suede, Riccardo Sinigallia, Alice In Chains, Mudhoney, Big Red Machine e Gene Clark, oltre che della raccolta “Try A Little Sunshine” e di una ristampa dei Wire. Nella rubrica “Le canzoni raccontate” ho infine scritto di “Respect”, mettendo a raffronto Otis Redding e Aretha Franklin.

Categorie: presentazioni | Tag: | Lascia un commento

Blow Up n.245

È in edicola il numero di ottobre di “Blow Up”, come al solito pieno di (tante) cose belle (qui il sommario, per chi è interessato ad approfondire). Per quanto riguarda me, oltre ad aver recensito una manciata di nuovi dischi (Shoes, Radiodervish, Dan Stuart, Glen Matlock), ho tenuto a battesimo una nuova rubrica chiamata “Playlista”, con una selezione di dieci brani – commentati, certo – dedicati a un tema specifico. Per la “prima” ho scelto un argomento che può sembrare di cazzeggio, ma vi assicuro che non è affatto così: “Canzoni italiane con bestemmie”.

Categorie: presentazioni | Tag: | Lascia un commento

Classic Rock n.71


È già in edicola il numero di ottobre di “Classic Rock”, che come si evince dagli strilli di copertina presenta grande ricchezza e varietà di argomenti trattati. Per quanto riguarda i miei contributi, vi troverete un’intervista a Steve Turner per il nuovo album e per i trent’anni trascorsi dall’uscita del primo singolo dei Mudhoney, alcune schede dello speciale sui dischi consigliati degli anni ’90 e un bel mucchietto di recensioni (Giorgio Canali, Catpower, John Grant, MC5, Kristin Hersh, John Grant, Tom Morello, Greta Van Fleet, Crazy World Of Arthur Brown).
Buona lettura a chi lo acquisterà.

Categorie: presentazioni | Tag: | Lascia un commento

AudioReview n.401

È in edicola da alcuni giorni il numero di settembre di AudioReview. Il sommario completo è qui, ma per quanto concerne i miei contributi segnalo la consueta, ampia rubrica di approfondimento “Le canzoni raccontate” (a questo giro mi sono occupato di “Time” dei Pink Floyd) e le recensioni di Interpol, Dirty Projectors, Jayhawks, Anna Calvi, Jim James, Giant Sand e Gryphon.

Categorie: presentazioni | Tag: | Lascia un commento

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

8th of May

wild cats walk longer

Withnail e io

Il blog di Carlo Bordone

juveniledelinquentmusic

Hi NRG ROCK'N'ROLL!!!!!!!!!!!!!!!

BABYSNAKES di Massimo Del Papa

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

PELLEeCALAMAIO di Gianni Gardon

Parole in libertà: pensieri sparsi su ciò che mi ronza per la testa e ciò che mi gira attorno.

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Venerato Maestro Oppure

Il primo blog di Eddy Cilìa

BASTONATE

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)