Alice In Chains (1992)

Il 29 settembre del 1992 gli Alice In Chains pubblicarono il secondo album Dirt, giustamente considerato uno dei massimi capolavori rock degli anni ’90 e non solo. Questo è ciò che ne scrissi all’epoca.

Dirt
(Columbia)
Proiettati tra le star dall’eccellente Facelift del 1990 (disco d’oro negli Stati Uniti), e ulteriormente affermati dal mini semiacustico Sap e dalla presenza nella colonna sonora di Singles, gli Alice In Chains sono ormai da considerare una delle band-chiave del nuovo rock d’o1treoceano: non solo perché, in spregio ai trend più in voga nella loro Seattle, hanno sempre tentato di esprimersi con uno stile ricco di personalità, ma anche perché sono stati in grado di raggiungere risultati assolutamente esaltanti per equilibrio, brillantezza e potenza di impatto fisico-cerebrale. Non sono ancora popolari come i concittadini Nirvana e Pearl Jam, ma qualcosa induce a ritenere che questo splendido Dirt potrebbe, se non proprio colmare, almeno ridurre il gap a dimensioni più che accettabili.
Non differisce granché dall’esordio, questa seconda fatica della band: anzi, ne ricalca minuziosamente gli schemi in bilico tra hard e psichedelia, evitando strutture troppo convenzionali e prediligendo trame dove la policroma complessità degli intrecci strumentali non riesce a ostacolare il godimento istintivo delle canzoni. Lasciano il segno, gli Alice In Chains, con le loro palesi citazioni di tardi Sixties e primi Seventies inserite in un contesto che non si può non definire moderno e attuale, con il misurato vigore degli assalti ritmici e l’intrigante insinuarsi delle chitarre, con la loro enfasi canora e il magico senso di inquietudine che sembra aleggiare sui loro brani; e appassionano, sottolineando una volta in più le risorse di quel crossover cui il rock di oggi continua a dovere il suo stato di grazia.
(da AudioReview n.122 del dicembre 1992)

Pubblicità
Categorie: recensioni | Tag: , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: