Quella volta con i CCCP

In uno dei primi giorni del dicembre 1986 ricevetti una telefonata da Alberto La Volpe, stimato giornalista della RAI che, tra le altre cose, era responsabile di “Speciale TG1”, programma di approfondimento della prima rete Rai. Lo conoscevo solo di fama e per averlo visto in TV e non ho la minima idea di chi gli avesse fatto il mio nome. Mi spiegò che aveva la possibilità di trasmettere un documentario sul rock in Unione Sovietica ma che, prima di utilizzarlo come base per una delle prossime puntate dello Speciale, voleva una sorta di “approvazione” da parte di un esperto di rock, in quanto a lui sembrava interessante ma, insomma, non era il suo campo. Gli risposi subito che di rock sovietico non ne sapevo nulla, come del resto quasi nessuno in Occidente (c’era ancora la Cortina di ferro), ma lui disse la cosa non era importante e mi invitò nel suo ufficio a Via Teulada per visionare il film. Andai, lo guardammo assieme e, benché non esattamente folgorato, diedi parere favorevole: si trattava comunque di una curiosità non da poco e l’argomento URSS era sempre “caldo”, quindi perché no? Sono certo che gli parlai anche del viaggio che avevo fatto nel 1980 (San Pietroburgo allora Leningrado, Mosca e Kiev, in treno, una quindicina di giorni di avventura) e inevitabilmente si toccò l’argomento CCCP Fedeli alla linea, sempre più in ascesa. Fu un incontro piacevole e in qualche misura formativo: avevo ventisei anni e, non frequentando gli ambienti televisivi, ero stimolato dall’idea di vedere come funzionasse quel giornalismo così diverso da quello da me praticato. La Volpe mi ringraziò e ci salutammo. Per me, era finita lì.
Circa una settimana dopo, con mia grande sorpresa, la Volpe mi richiamò. Mi raccontò che aveva deciso di trasmettere il documentario e che, per rendere il tutto più ricco, aveva organizzato una chiacchierata/dibattito con Demetrio Volcic (famoso ex corrispondente della Rai da Mosca), i CCCP, non meglio precisati ospiti da Mosca e, se avessi voluto, io. Un po’, lo ammetto mi spaventai. Non ho un bel rapporto con le riprese video perché fondamentalmente non mi piaccio, e non a caso non ho mai pensato di propormi come “volto”; poi, certo, se mi invitano e la situazione è valida, mi convinco ad andare, e così feci. Lo Speciale venne registrato il 19 dicembre, di pomeriggio, come se fosse stato una diretta, e fu trasmesso la sera del 22; io, ansioso, andai al cinema dopo aver predisposto il timer del videoregistratore. Qui potete vedere una sintesi di dieci minuti, digitalizzata da quel VHS, con la presentazione del programma e il contributo dei CCCP (la testimonianza importante è quella, non certo le fesserie che ho pronunciato tenendo con la mano l’auricolare che mi cadeva dall’orecchio); il resto l’ho omesso per non incorrere in problemi di copyright. Ah, la camicia viola la indossai apposta, a mo’ di sfida alla leggenda che in teatro e in televisione quel colore porti sfortuna, e nessuno me la contestò.

Categorie: memorie | Tag: | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

8th of May

wild cats walk longer

Withnail e io

Il blog di Carlo Bordone

juveniledelinquentmusic

Hi NRG ROCK'N'ROLL!!!!!!!!!!!!!!!

BABYSNAKES di Massimo Del Papa

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

PELLEeCALAMAIO di Gianni Gardon

Parole in libertà: pensieri sparsi su ciò che mi ronza per la testa e ciò che mi gira attorno.

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Venerato Maestro Oppure

Il primo blog di Eddy Cilìa

BASTONATE

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: