1998: la mia playlist

La playlist del 1998 che compilai all’inizio del 1999 per il Mucchio Selvaggio comprendeva un totale di venticinque album, venti stranieri e cinque italiani. Se qui ce ne sono soltanto ventidue è perché – per adeguare questa playlist alle altre – ho escluso quelli che non erano “normali” album, vale a dire i live dei Social Distortion e dei Pussy Galore (oltretutto, postumo) e la ristampa allargata in formato quattro CD della compilation “Nuggets”. Nel tentativo che come sempre risulterà vano di evitare i soliti equivoci, ribadirò che la playlist non ha pretese di oggettività, ma semplicemente contiene i dischi da me più ascoltati/apprezzati tra quelli pubblicati nell’anno in questione. Scrivere che qualcosa “manca” non ha dunque alcun senso.

Afghan Whigs
1965

Tony Buddenbrook
Le stesse cose ritornano

Jerry Cantrell
Boggy Depot

Carmen Consoli
Mediamente isterica

Eels
Electro-Shock Blues

Max Gazzè
La favola di Adamo ed Eva

Gluecifer
Soaring With Eagles…

Gianluca Grignani
Campi di popcorn

Here
Brooklyn Bank

Jon Spencer Blues Explosion
Acme

Korn
Follow The Leader

Lalli
Tempo di vento

Mark Lanegan
Scraps At Midnight

Makers
Psychopathia Sexualis

Mudhoney
Tomorrow Hit Today

New Bomb Turks
At Rope’s End

Pearl Jam
Yield

Queens Of The Stone Age
Q.O.T.S.A.

R.E.M.
Up

‘68 Comeback
A Bridge Too Fuckin’ Far

Smashing Pumpkins
Adore

Sonic Youth
A Thousand Leaves

Le altre playlist annuali presenti ne “L’ultima Thule”:
1979
1980
1982
1983
1984
1985
1986
1987
1988
1990
1991
1995
1996
1997
2000
2001
2002

2004
2006
2007
2013
2014
2015
2016
2017

Annunci
Categorie: playlist | 4 commenti

Navigazione articolo

4 pensieri su “1998: la mia playlist

  1. Tra le tue Playlist mi ricordo vagamente due di stereonotte, una in occasione di una puntata in cui hai associato musica e sostanze psicotrope (più o meno era questo il tema, più che altro mi era piaciuto il commento ai pezzi) e un’altra in cui hai messo qualche gruppo canadese tipo i Sunset Rubdown. Qualche canzone l’ho registrata in cassetta – sono arrivato tardi agli mp3 ma mi sono piaciuti 🙂 – comunque se ti capitano tra i file sarebbero gradite :-).

  2. Christian Princeps

    Certo che ogni giudizio è oggettivo,ci mancherebbe altro…Si gioca un po’,ed è magari una buona scusa per ricordare qualche disco dell’epoca (quelli dei primi anni ’80 io li ho scoperti un po’dopo,in quanto troppo piccolo all’epoca della loro uscita)che c’è rimasto particolarmente a cuore ; di certo non è una critica alla selezione dei titoli. Le playlists che vanno dalla metà dei ’90 in poi visualizzano bene ciò che è avvenuto in quegli anni e mi sembra rappresentino(parere mio, più che discutibile, per carità) un periodo di crisi della scena rock,con dischi non all’altezza di quelli emersi nelle classifiche più antiche(ovviamente non per colpa di Guglielmi).

    • Christian Princeps

      oops,intendevo dire che ogni giudizio è “soggettivo”non “oggettivo”…

  3. Donald

    “Campi di Popcorn” lo considero l’apice di Grignani (bei tempi quando tirava fuori dischi da rimanere a bocca aperta, avesse continuato su quella strada, oggi sarebbe uno dei più grandi del rock italiano, e vabbeh), così come considero “Mediamente Isterica” l’apice della Consoli. E poi “Up” degli R.E.M. (che discone stratosferico); anche “Adore” degli Smashing Pumpkins e “A thousand leaves” dei Sonic Youth li apprezzai molto, entrambi svolte interessanti nel loro suono. “Yield” dei Pearl Jam invece non mi convinse, lo trovai decisamente meno ispirato dei 4 precedenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blog su WordPress.com.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

8th of May

wild cats walk longer

Withnail e io

Il blog di Carlo Bordone

juveniledelinquentmusic

Hi NRG ROCK'N'ROLL!!!!!!!!!!!!!!!

BABYSNAKES di Massimo Del Papa

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

PELLEeCALAMAIO di Gianni Gardon

Parole in libertà: pensieri sparsi su ciò che mi ronza per la testa e ciò che mi gira attorno.

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Venerato Maestro Oppure

Il primo blog di Eddy Cilìa

BASTONATE

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: