St. Vincent (2017)

Non sono molti gli artisti dei quali ho scritto meno volte di quante li abbia visti dal vivo. Alla categoria appartiene Annie Clark, in arte St. Vincent, che seguo dall’inizio ma che alla fine ho sempre fatto recensire ad altri. Per il suo ultimo, eccellente album, però, non è andata così.

Masseduction
(Loma Vista)
In molti parlano di “copertina dell’anno”, naturalmente per le ragioni sbagliate; bene, comunque, se serve ad accendere altri riflettori su una delle cantautrici rock più ispirate, brillanti e carismatiche emerse da quando gli anni iniziano con il 2, come provano quattro album di crescente successo che, assieme a quello in coppia con David Byrne, l’hanno imposta negli ambiti più diversi. Non è da tutti essere una icona cool e, assieme, godere della stima di chi ascolta musica di qualità, ma la trentacinquenne americana ce l’ha fatta; e questo suo quinto lavoro la trova ancora una volta abilissima nello spaziare con disinvoltura fra rock e pop, elettricità ed elettronica, energia e melodie, sentimento e ragione, il tutto accompagnato da (bei) testi che in questo caso affrontano temi personali.
Sono quarantuno minuti di ottovolante, Masseduction, all’insegna di un sound più moderno che “classico” sviluppato in canzoni ballabili dai ritmi incalzanti (menzione speciale per Sugarboy e Los Ageless, che ha dalla sua anche un titolo da applausi) o in ballad più o meno rarefatte ma sempre evocative; il meglio è forse in queste ultime (Hang On Me, Happy Birthday Johnny, Slow Disco, Smoking Section…) ma l’intero programma – che stilisticamente si può inquadrare da qualche parte fra Tori Amos, Laurie Anderson e Björk – è notevolissimo.
Tratto da Classic Rock n.59 dell’ottobre 2017

Annunci
Categorie: recensioni | Tag: | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

8th of May

wild cats walk longer

Withnail e io

Il blog di Carlo Bordone

juveniledelinquentmusic

Hi NRG ROCK'N'ROLL!!!!!!!!!!!!!!!

BABYSNAKES di Massimo Del Papa

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

PELLEeCALAMAIO di Gianni Gardon

Parole in libertà: pensieri sparsi su ciò che mi ronza per la testa e ciò che mi gira attorno.

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Venerato Maestro Oppure

Il primo blog di Eddy Cilìa

BASTONATE

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: