Sad Lovers And Giants

La memoria (forse) inganna, ma non so dire se, in tempo reale abbia o meno scritto dei Sad Lovers & Giants. Se l’ho fatto, comunque, è stato per microrecensioni/segnalazioni, dato che all’epoca – di trenta/trentacinque anni fa – la band britannica non mi dispiaceva ma nemmeno mi esaltava. Anche per questa recensione di un recente cofanetto, molto esaustivo ma non onnicomprensivo, mi sono stati concessi spazi ristretti, ma credo di essere lo stesso riuscito a dire quello che andava detto.

Where The Light
Shines Through
(Cherry Red)
Seppure a singhiozzo e con un’attività discografica ridotta, i Sad Lovers And Giants sono nuovamente in pista da quindici anni; la loro fama di culto, però, poggia sui cinque LP di studio, il live e la decina di singoli pubblicati – esclusi i primi due 7 pollici, autoprodotti – da una label piuttosto fuori dagli schemi come la britannica Midnight Music. Quasi tutto il materiale di cui sopra, commercializzato in origine tra il 1981 e il 1991, è stato ora raccolto in questo box di cinque CD e ben ottantanove tracce, che include anche quanto immesso sul mercato dopo la reunion in un album, un 45 giri e un 12” di disagevole reperibilità; purtroppo, non un’opera omnia (e dire che sarebbe bastato un solo compact in più…), bensì un’amplissima antologia che narra – senza omissioni di rilievo e supportata dell’immancabile booklet (di appena dodici pagine, ma esauriente) – l’intera vicenda dei ragazzi di Watford.
Dalla torrenziale scaletta emergono chiaramente l’ispirazione e la verve della band, legata a un post-punk umbratile e non privo di spunti filo-psichedelici, dai toni per lo più aggraziati, avvolgenti e di gusto romantico. Oggi come allora, si pensa agli And Also The Trees, ai Cure del 1980/1981, ai Chameleons, ai Modern English. Non da gotha della new wave, ma ben costruito e assai godibile.
Tratto da Classic Rock n.55 del giugno 2017

Annunci
Categorie: recensioni | Tag: | 1 commento

Navigazione articolo

Un pensiero su “Sad Lovers And Giants

  1. DaDa

    Un’epoca musicale si giudica da quelli che erano considerati gruppi secondari (come i Sad Lovers & Giants). Direi quindi che per questo motivo i bistrattati anni 80 ne escono bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

8th of May

wild cats walk longer

Withnail e io

Il blog di Carlo Bordone

juveniledelinquentmusic

Hi NRG ROCK'N'ROLL!!!!!!!!!!!!!!!

BABYSNAKES di Massimo Del Papa

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

PELLEeCALAMAIO di Gianni Gardon

Parole in libertà: pensieri sparsi su ciò che mi ronza per la testa e ciò che mi gira attorno.

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Venerato Maestro Oppure

Il primo blog di Eddy Cilìa

BASTONATE

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: