1991: la mia playlist

Avendo iniziato a scrivere di musica nel luglio del 1979, dovrei aver finora pubblicato, nelle varie testate con le quali ho via via collaborato, trentasette playlist annuali. Il condizionale è d’obbligo, perché in realtà sono un po’ di meno. Potrà sembrare bizzarro, ma non sempre le riviste si piegavano alla consuetudine, limitandosi magari a redigere una classifica senza riportare le preferenze individuali o persino a far finta di nulla a proposito delle “eccellenze” dell’anno appena trascorso (o non ancora trascorso: chi fosse interessato ad alcune mie riflessioni sull’argomento può leggerle qui). Per quanto riguarda il 1991, che fu un anno magnifico, nessuno dei giornali per i quali scrivevo pubblicò le playlist dei singoli collaboratori, e dunque quella qui riportata è compilata a posteriori; in modo quasi scientifico, però, ovvero elencando i dischi cui diedi in tempo reale i voti più alti, e senza “barare”: insomma, non ho tolto titoli ridimensionati dalla storia e certo non ne ho aggiunti altri oggi reputati fondamentali che allora non recensii, non mi folgorarono o non approfondii più di tanto; non a caso “mancano” Blood Sugar Sex Magik dei Red Hot Chili Peppers, Spiderland degli Slint o l’omonimo dei Metallica, che oggi ovviamente inserirei. Per ragioni analoghe, non ci sono album italiani (non recensii molti dei fondamentali, per via della concorrenza dei colleghi), né di artisti già “classici”, perché come giornalista mi occupavo solo – per scelta – di musica nuova. Questo è quanto.

Bevis Frond – New River Head
Julian Cope – Peggy Suicide
Feelies – Time For A Witness
Guns N’Roses – Use Your Illusion I + II
Mudhoney – Every Good Boy Deserves Fudge
My Bloody Valentine – Loveless
Nirvana – Nevermind
Primal Scream – Screamadelica
R.E.M. – Out Of Time
Screaming Trees – Uncle Anesthesia
Soundgarden – Badmotorfinger
Temple Of The Dog – Temple Of The Dog
This Mortal Coil – Blood
Walkabouts – Scavenger
Warrior Soul – Drugs, God And The New Republic

Le altre playlist presenti ne “L’ultima Thule”:
1979
1980
1984
1986
1987
1996
2000
2006
2013
2014
2015
2016

 

Annunci
Categorie: playlist | 1 commento

Navigazione articolo

Un pensiero su “1991: la mia playlist

  1. DaDa

    Che dire … Screamadelica, Badmotorfinger, Peggy Suicide ed Out of Time fondamentali. Alcuni che ho amato (Blood) ed altri meno ( Nevermind e Loveless – però epocali). Grande annata !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

8th of May

wild cats walk longer

Withnail e io

Il blog di Carlo Bordone

juveniledelinquentmusic

Hi NRG ROCK'N'ROLL!!!!!!!!!!!!!!!

BABYSNAKES di Massimo Del Papa

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

PELLEeCALAMAIO di Gianni Gardon

Parole in libertà: pensieri sparsi su ciò che mi ronza per la testa e ciò che mi gira attorno.

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Venerato Maestro Oppure

Il primo blog di Eddy Cilìa

BASTONATE

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: