High Circle (1985-1990)

Attivi dal 1983 al termine del decennio, gli High Circle sono stati il primo gruppo di Roma a ispirarsi al classico hardcore punk più o meno melodico di scuola californiana. Sulla carta avevano insomma quello che occorreva per essere la mia band cittadina preferita, ma i loro dischi – un 7 pollici e due LP, poi in parte raccolti in un CD – avevano sempre, almeno a mio parere, qualche lacuna che gli impediva di ottenere il mio pieno consenso. Ecco comunque le mie recensioni dell’intera discografia del gruppo.

6 Track EP
(Contagio)
Pur avendo da tempo abbandonato le recensioni di dischi punk di livello meno che eccellente, ho ritenuto di fare un’eccezione per questo 7 pollici degli High Circle, gruppo romano all’esordio su vinile. Sei brani, quattro dei quali cantati in italiano e uno strumentale, legati a schemi hardcore di stampo statunitense; nulla di particolarmente innovativo, dunque, in un dischetto non disprezzabile anche se un po’ scontato.
Tratto da Il Mucchio Selvaggio n.72 del settembre 1985

Out Of Darkness
(Subcore)

Nessuno è profeta in patria. Nemmeno gli High Circle, che per trovare un’etichetta dopo la realizzazione di un 7″EP autoprodotto si sono dovuti recare fino negli Stati Uniti. Out Of Darkness è il primo risultato tangibile dell’accordo fra il terzetto (oggi quartetto) capitolino e la Subcore Records di Seattle: un album di ottimo livello artistico e pregevole caratura tecnica (nonostante qualche grossolano errore di mixaggio e qualche suono non impeccabile) del quale fanno parte nove brani ispirati dal miglior punk di scuola californiana – quello dove aggressività e melodia si stringono in un appassionato (e appassionante) abbraccio – e valorizzati da parecchie soluzioni originali e imprevedibili. Un buon acquisto, in attesa che il sodalizio transoceanico tra High Circle e Subcore, che prevede altri due 33 giri, produca frutti ancor più gustosi.
Tratto da Velvet n.1 dell’ottobre 1988

Shadows On The Wall
(Break Even Point)
Hanno fatto passi da gigante, gli High Circle, dai tempi del loro album di esordio (Out Of Darkness, uscito nel 1987 per la Subcore di Seattle) a quelli ben più recenti di questo loro secondo 33 giri autoprodotto, portando il loro songwriting a livelli qualitativi assai più elevati che in passato e guadagnando in tecnica strumentale e di arrangiamento; senza dimenticare il positivissimo innesto del cantante/chitarrista Paolo Marotta, che ha saputo conferire nuova vivacità allo stile della band. Il risultato è un punk melodico nelle migliori tradizioni californiane, che non indugia in vuoti estremismi ma ricerca una via più articolata, rivelandosi solco dopo solco in tutto il suo feeling e la sua forza d’impatto. Peccato solo che il lavoro di produzione, un po’ troppo impreciso e “addomesticato”, abbia privato i pezzi della loro carica più selvaggia e dirompente…
Tratto da Velvet n.19 dell’aprile 1990

Sell Out 85/90
(Break Even Point)
Capitolini, gli High Circle sono saliti agli onori delle cronache underground attorno alla metà degli anni ’80. Nel CD in questione, la band ha riesumato una scelta di brani, quindici in tutto, in origine apparsi nei suoi tre dischi (il 7 pollici 6 Tracks EP del 1985 e i due album Out Of Darkness e Shadows On The Wall, rispettivamente 1987 e 1990). Ispirato più dal popcore di scuola statunitense che dall’hardcore classico, il quartetto era artefice di un sound abbastanza personale, tanto studiato sotto il profilo melodico quanto articolato nelle strutture, che alla cieca brutalità preferiva soluzioni sempre energiche ed energetiche ma dotate anche di un respiro di gran lunga superiore a quello della maggioranza delle formazioni della medesima area espressiva. Un prodotto di buon livello, dunque, per un gruppo che a suo tempo aveva addirittura conosciuto la gratificazione di una relativa popolarità al di fuori dei confini nazionali; unico difetto, davvero strano alla luce dell’ampiezza del serbatoio-pezzi, la durata globale inferiore ai cinquanta minuti.
Tratto da Il Mucchio Selvaggio n.287 del 23 dicembre 1997

Annunci
Categorie: recensioni | Tag: , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

8th of May

wild cats walk longer

Withnail e io

Il blog di Carlo Bordone

juveniledelinquentmusic

Hi NRG ROCK'N'ROLL!!!!!!!!!!!!!!!

BABYSNAKES di Massimo Del Papa

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

PELLEeCALAMAIO di Gianni Gardon

Parole in libertà: pensieri sparsi su ciò che mi ronza per la testa e ciò che mi gira attorno.

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Venerato Maestro Oppure

Il primo blog di Eddy Cilìa

BASTONATE

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: