Il Muro del Canto 2013-2016

Sono rimasto abbastanza deluso dal fatto che il terzo album del Il Muro del Canto non sia riuscito a entrare (mi pare di aver capito che sarebbe bastato un solo voto in più) nella cinquina dei dischi che si sono contesi l’ultima Targa Tenco nella categoria “in dialetto”. Sarà per la prossima volta, o almeno spero; recupero intanto una delle recensioni che ho scritto del disco in questione, disco che figura nella mia playlist del 2016 appena uscita su “Blow Up” di dicembre, che sarà proposta qui nel blog a fine anno. E ci aggiungo anche quella del secondo disco apparsa all’epoca su “AudioReview”.

Ancora ridi
(Goodfellas)
Nei ventuno mesi successivi all’uscita del primo album L’ammazzasette, Il Muro del Canto è diventato quasi un’istituzione del panorama musicale (e di costume) capitolino: alcune migliaia di copie vendute, un’infinità di concerti sempre affollati nel Lazio (e con qualche puntata fuori dalla regione), un’esplosione di simpatia se non di autentico amore che ha reso il sestetto elettroacustico – singolare l’organico: chitarra acustica, chitarra elettrica, fisarmonica, basso, batteria essenziale suonata in piedi e voce profonda – un fenomeno che ha tutte le carte in regola per affermarsi a livello nazionale e non solo locale.
A favorire il processo sarà senz’altro utilissimo questo secondo lavoro, tra l’altro mixato da un tecnico di valore assoluto come Tommaso Colliva (si avvalgono della sua perizia, ad esempio, Calibro 35 e Muse), che si muove ancora sul terreno della contaminazione fra folk e rock (ma l’asse pende ora più verso il secondo), con testi in romanesco che affrontano brillantemente, in ottica popolaresca, temi sociali, sentimentali e di vita vissuta. Un album che sprigiona autenticità da ogni nota e ogni verso, e che con le sue dodici tracce – nove autografe, l’adattamento in romano di Intanto il sole si nasconde di Stefano Rosso e due monologhi – fotografa in modo appassionato, vivo e interessante, benché con toni un po’ foschi, una romanità bella e poetica: la stessa di Gabriella Ferri, Pierpaolo Pasolini o al limite Aldo Fabrizi, per intenderci, e non quella dei tipici coatti. E in brani melodiosi e assieme trascinanti quali Il canto degli affamati, Arrivederci Roma (che con quella di Rascel ha in comune solo il titolo) e la title track, o nella più lirica Strade da dimenticà, i piccoli e grandi disagi quotidiani sposano con equilibrio e grande efficacia disillusione, epica e autoironia.
Tratto da AudioReview n.348 del novembre/dicembre 2013

il-muro-del-canto-copFiore de niente
(Goodfellas)
Minimi dubbi (anzi, nessuno) che lo stile de Il Muro del Canto, come più o meno tutti quelli legati al folk, mal si presti a radicali “evoluzioni”. I suoi requisiti di base, dall’equilibratissimo impianto strumentale elettroacustico all’inconfondibile voce grave del frontman Daniele Coccia, non potrebbero divergere più di tanto dalla strada finora battuta senza sacrificare quelle che della band capitolina sono la forza e l’essenza; ovvero, una formula che profuma di classico ma che è a tutti gli effetti personale e nuova, capace di recuperare ed esaltare attraverso musiche e testi intensi, solenni e quantomai suggestivi nel loro incontro di ombre e luci, la bellezza della poetica romana e romanesca. Un’identità tanto spiccata e definita, quella del sestetto, da marchiare a fuoco ogni situazione, come hanno dimostrato in modo più che eloquente i brani concepiti con artisti hip hop quali Assalti Frontali (Il lago che combatte, 2014) e Piotta (7 vizi Capitale, 2015). È dunque normale che, dopo aver perfezionato e sviluppato in chiave più rock – nel secondo album Ancora ridi, del 2013 – la splendida visione artistica immortalata nel già eccellente esordio L’ammazzasette (2012), il gruppo non abbia voluto cambiare nulla, se non sfumature che persino i più attenti estimatori faticheranno a cogliere.
La differenza più significativa fra questo Fiore de niente e il suo predecessore è nella scaletta comprendente tredici tracce invece di dodici; nel resto, compresi i due monologhi declamati dal batterista/scrittore Alessandro Pieravanti, il disco ricalca in toto il secondo capitolo, offrendo un folk-rock livido ma a tinte forti, epico ma privo di eccessi di magniloquenza, sanguigno ma aggraziato, che sa travolgere caldo e impetuoso (Ciao core, L’anima de li mejo, la title track, Venerdì…) e avvolgere con tesa morbidezza (Ginocchi rossi, Madonna delle lame, La neve su Roma). Come sempre, non ci sono riempitivi, e a sorprendere forse più di ogni altra cosa è proprio la straordinaria ispirazione con la quale l’ensemble sa rimescolare gli stessi elementi – le chitarre elettrica e acustica, la batteria essenziale, il basso, la magica fisarmonica, la voce così poco elastica eppure così fascinosa – riuscendo in ogni circostanza a essere autorevole, magnetico, appassionante; idem per i testi, che distillano vita quotidiana, amore e morte non disdegnando temi impegnati (eloquentissima Figli come noi, vibrante denuncia degli abusi polizieschi) e frecciate anticlericali. Arduo prevedere quanto potrà durare tale stato di grazia, ma ora come ora, almeno nell’Italia rock, poche esperienze reggono il confronto con Il Muro del Canto in termini di autenticità, originalità, convinzione. Su questo, fermo restando che il genere può anche non piacere, minimi dubbi. Anzi nessuno.
Tratto da Blow Up n.214 del marzo 2016

Annunci
Categorie: recensioni | Tag: , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

8th of May

wild cats walk longer

Withnail e io

Il blog di Carlo Bordone

juveniledelinquentmusic

Hi NRG ROCK'N'ROLL!!!!!!!!!!!!!!!

BABYSNAKES di Massimo Del Papa

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

PELLEeCALAMAIO di Gianni Gardon

Parole in libertà: pensieri sparsi su ciò che mi ronza per la testa e ciò che mi gira attorno.

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Venerato Maestro Oppure

Il primo blog di Eddy Cilìa

BASTONATE

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: