Quando Axl “sbroccò”

Questo vorrebbe essere un post in qualche modo “faceto” o, almeno, non “pesante”. Vi si parla – naturalmente – dei Guns N’Roses, ma non della loro storia, dei loro dischi, della loro filosofia o della loro mitologia (qualcosa sui temi in questione, volendo, la trovate qui), ma di un avvenimento specifico, che accadde esattamente un quarto di secolo fa. Nulla di particolarmente eclatante, ma se all’episodio è stata dedicata persino una scheda di wikipedia, una ragione ci sarà.
Quando Axl2 luglio 1991, Maryland Heights, Missouri, a pochi passi da St. Louis. Al Riverport Amphitheatre, oggi Hollywood Casino Amphitheatre, suonano i Guns N’Roses, nell’ambito del tour che precedeva la pubblicazione del “doppio virtuale” (perché i due dischi si vendevano separatamente) Use Your Illusion. Durante l’esecuzione della quindicesima traccia in scaletta, Rocket Queen, Axl Rose dà letteralmente di matto vedendo che qualcuno gli stava scattando delle foto, fregandosene del suo (assurdo) diktat; come una furia, si lancia allora nella folla e, dopo una breve colluttazione, riesce a strappare la macchina dalle mani dello spettatore/fan, risale sul palco, manda tutti più o meno affanculo (le parole esatte: “Well, thanks to the lame-ass security, I’m going home!”) e lascia il palco dopo aver lanciato a terra il microfono, seguito dai suoi compagni. Show finito.
Sarebbe stata solo una delle tante bizzarrie commesse dal frontman, se non fosse per il panico provocato dal rumore del microfono gettato a terra (a molti parve uno sparo) e per il disappunto di molti presenti, che degenerò in una colossale gazzarra con decine di feriti (per pura fortuna non ci scappò il morto). Axl fu anche posto sotto processo con l’accusa di avere incitato i disordini (fu poi assolto: l’irresponsabilità non è reato), e per “placare gli animi” pensò bene di inserire fra le note di copertina degli Use Your Illusion un simpaticissimo “Fuck You, St. Louis!”. Quanti non conoscessero l’episodio possono ammirarlo nelle riprese presenti su YouTube, dove c’è addirittura l’intero concerto.

Advertisements
Categorie: articoli | Tag: | 6 commenti

Navigazione articolo

6 pensieri su “Quando Axl “sbroccò”

  1. Gian Luigi Bona

    Mai sopportati i Guns N’Roses… al confronto i fratelli Gallagher sono dei simpaticoni

  2. Si può dire quello che si vuole, ma un dato si staglia con certezza: i Guns ‘n’ Roses sono state le ultime rockstar in senso classico. Non a caso c’è tuttora gente disposta a pagare centinaia di Euro per rivederli suonare una sera e nemmeno con la formazione originale completa.

  3. DaDa

    Non so cosa intendi per rock star in senso classico… Se il modello è sex and drugs and rock ‘n’ roll teniamoci i Primal Scream. Se invece sono le vendite può andare. Non ne vado pazzo, ma qualcosa di buono hanno fatto. Comunque quando vedo Axl, penso al commento salace sulle sue misure che ne fece la pornostar Savannah dopo un incontro ravvicinato…..

    • Nel senso di gente che fa dell’eccesso, inteso sotto ogni possibile accezione, la propria cifra esistenziale e riesce ad entrare nell’immaginario collettivo facendolo. I Primal Scream potranno piacere di più ma non c’è dubbio che abbiano influenzato di meno; d’altronde, se guardi gli zaini degli adolescenti di oggi e di allora, i loghi disegnati col pennarello sono sempre gli stessi: Led Zeppelin, Pink Floyd, AC/DC, Queen, Nirvana e…Guns ‘n’ Roses.
      Sul commento di Savannah devi istruirmi (istruirci?) tu, perché mi è ignoto. Grazie, anzi.

  4. DaDa

    Savannah ha “frequentato” i back stage dei Guns (ha avuto una storia con Slash tra l’altro) ed ha fatto commenti sulle dimensioni ( non cospicue a suo dire) di Axl. E’ una delle storie/leggende che fanno parte dello showbiz e che rientrano nell’immaginario di eccessi di droghe e groupies a cui fai riferimento anche tu. Al riguardo comunque ti posso dire che Gilespie non scherzava con additivi chimici e sesso (oggi non so), anche se è vero che la sua band ha fatto meno presa sul pubblico più giovane rispetto alla band di Slash. La proposta sonora del gruppo scozzese era nei novanta più “progressiva” (in dischi come Screamadelica ed Xtrmntr) e forse è stata meno assimilabile rispetto al rock “classico” (per quanto valido) dei gruppi da te citati. Fatto sta che anche nei loro camerini ne succedevano di tutti i colori.

    • Orgio

      Non è che seguire uno stile di vita eccessivo ti renda automaticamente una rockstar; è lasciare un segno indelebile e perdurante nell’immaginario collettivo, superando anche le definizioni stesse di “musicista” e “musicista famoso”.
      Quindi è indubitabile che i Guns siano rockstar, e le ultime in senso classico (quelle che lasciano il segno sopraddetto a suon di “sesso, droga e rock ‘n’ roll”), mentre i Primal Scream no.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

8th of May

wild cats walk longer

Withnail e io

Il blog di Carlo Bordone

juveniledelinquentmusic

Hi NRG ROCK'N'ROLL!!!!!!!!!!!!!!!

BABYSNAKES di Massimo Del Papa

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

PELLEeCALAMAIO di Gianni Gardon

Parole in libertà: pensieri sparsi su ciò che mi ronza per la testa e ciò che mi gira attorno.

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Venerato Maestro Oppure

Il primo blog di Eddy Cilìa

BASTONATE

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: