Germs

Facile, maledettamente facile, definire band “cruciali” e dischi “fondamentali” con il senno di poi (scriverne bene, nella sostanza e nella forma, rimane magari sempre difficile, ma non divaghiamo). Con i Germs, per esempio, l’ho fatto più di una volta (ad esempio, qui), ma se vi dicessi che sul primo (e unico) vero LP di Darby Crash e soci mi sbilanciai al massimo in tempo reale, senza avere la minima idea di cosa ne pensasse il resto del mondo? Ecco le prove, ovviamente nel mio stile ancora ingenuo, legnoso e condizionato dall’obbligo di dare informazione in spazi per di più ristretti.

Germs cop(GI) (Slash)
Potrei scrivere sui Germs per almeno due pagine, ma non credo sia necessaria una recensione molto lunga per inquadrare questo GI, che non esito a definire il massimo capolavoro del punk “made in Callfornla”. I Germs sono di Los Angeles e sono stati fra i primi musicisti della Costa Ovest a dar vita a un gruppo punk. Il nucleo centrale della formazione è sempre rimasto invariato: Darby Crash (alias Bobby Pyn) alla voce, Pat Smear alla chitarra, Lorna Doom al basso; al fianco di questi tre loschi figuri si sono alternati vari batteristi, l’ultimo dei quali ha nome Don Boles. Il primo singolo è su What Records e si chiama Forming, un brano semplicemente agghiacciante, una nenia tribale e demoniaca. Un anno dopo esce il secondo 45, un EP su Slash comprendente brani già più corrispondenti all’attuale immagine del complesso: musica devastante, testi provocatori, rabbia che sembra sul punto di espoldere in modo irreparabile. Proprio questo sono i Germs di (GI), un album chiave in cui sono sintetizzati oltre tre anni di esperienza punk californiana. Sedici pezzi incredibili, che sprigionano una violenza insopportabile per orecchie non allenate; sound quasi caotico, impressionante, diverso da qualsiasi altro e lontano da ogni semplicistica classificazione. Brani molto corti e velocissimi eccetto uno, Shut Down (precedentemente inciso dagli F-Word) proposto in una versione dal vivo di nove minuti e mezzo che chiude nel modo migliore questo entusiasmante LP. Nel caso non riusciate a trovare altrove il disco, scrivete alla Slash Records, P.O. Box 48888, Los Angeles, CA 90048, USA, inviando un vaglia internazionale dell’importo di 12 dollari. Se amate il punk, i Germs sono senz’altro per voi.
Tratto da Il Mucchio Selvaggio n.29 dell’aprile 1980

Advertisements
Categorie: recensioni | Tag: | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

8th of May

wild cats walk longer

Withnail e io

Il blog di Carlo Bordone

juveniledelinquentmusic

Hi NRG ROCK'N'ROLL!!!!!!!!!!!!!!!

BABYSNAKES di Massimo Del Papa

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

PELLEeCALAMAIO di Gianni Gardon

Parole in libertà: pensieri sparsi su ciò che mi ronza per la testa e ciò che mi gira attorno.

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Venerato Maestro Oppure

Il primo blog di Eddy Cilìa

BASTONATE

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: