Dag Nasty

I Dag Nasty sono stati una band favolosa e lo sono stati anche quando, anni dopo lo scioglimento, si sono ritrovati in azione con la line-up storica. Peccato che questo disco, risalente ormai a dodici anni abbondanti fa, non abbia avuto seguito.

Dag Nasty copMinority Of One (Revelation)
Abituati come siamo alle reunion che puzzano di rancido, è difficile non sorprendersi quando da una di esse deriva qualcosa di valido. E stupore, che subito si trasforma in eccitazione ed entusiasmo, è ciò che si prova all’ascolto di quest’album che certifica il ritorno sulle scene – dieci anni dopo Four On The Floor – di una delle band più influenti dell’hardcore americano degli anni ‘80.
Pionieri del sottogenere emo, e dediti a una formula dove alla velocità e alla compattezza di esecuzione si legano brillanti trame melodiche e flirt con le tradizioni rock in senso lato, i Dag Nasty si formarono nel 1985 a Washington D.C. e vissero una carriera costellata di problemi di organico che peraltro non gli impedirono di raccogliere ampi consensi nel circuito punk e di realizzare almeno un classico, Can I Say, edito nel 1986 dalla Dischord. Proprio a quell’esordio rimanda ora Minority Of One, che rivede per la prima volta assieme la sezione ritmica composta da Roger Marbury e Colin Sears, il chitarrista Brian Baker (Minor Threat, Bad Religion) e il cantante Dave Smalley (All, Down By Law e DYS): undici eccellenti esercizi di popcore brioso, eclettico, ispirato, articolato e travolgente, che pur riallacciandosi al passato non manca davvero di attualità. Ribadendo il pieno diritto dei maestri a riavere la cattedra lasciata a suo tempo vacante, con buona pace dei tanti (troppi?) giovani allievi che hanno vanamente tentato di usurparla; e che ora, al cospetto dei Dag Nasty, possono solo tornare in silenzio ai banchi per ripassare la lezione.
Tratto da Il Mucchio Selvaggio n.501 del 17 settembre 2002

Annunci
Categorie: recensioni | Tag: | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

8th of May

wild cats walk longer

Withnail e io

Il blog di Carlo Bordone

juveniledelinquentmusic

Hi NRG ROCK'N'ROLL!!!!!!!!!!!!!!!

BABYSNAKES di Massimo Del Papa

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

PELLEeCALAMAIO di Gianni Gardon

Parole in libertà: pensieri sparsi su ciò che mi ronza per la testa e ciò che mi gira attorno.

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Venerato Maestro Oppure

Il primo blog di Eddy Cilìa

BASTONATE

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: