Bad Brains

Non ho mai visto i Bad Brains dal vivo, e per esserne certo non ho neppure avuto bisogno di consultare il mio elenco dei concerti ai quali ho assistito: sarebbe stato impossibile dimenticarsene, credo, a giudicare da questo DVD che coglie la band americana nella prima fase di carriera.

Bad Brains DVD copLive At CBGB 1982 (MVD)
Magnifica anomalia della prima era hardcore, i Bad Brains da Washington D.C.: quattro musicisti di colore, devoti al rastafarianesimo, nel cui repertorio una delle formule rock più veloci e lancinanti di sempre – eppure melodica, seppure in modo perverso – si apriva all’occorrenza al reggae. Uno scherzo, o al limite solo una curiosità un po’ bizzarra? Nient’affatto, perché la band guidata dal funambolico cantante H.R. è stata una delle pietre portanti del punk americano degli anni 80, e la sua discografia è non solo personalissima sotto il profilo stilistico ma anche ricca di gemme, a partire dal Rock For Light – produzione di Ric Ocasek dei Cars – che nel 1983 la inaugurò a livello di album.
Prima loro testimonianza in formato DVD, Live At CBGB coglie i Bad Brains mentre il mondo intero li stava scoprendo: nel leggendario locale di New York i ragazzi suonano come invasati in una situazione davvero selvaggia e surreale, davanti a un pubblico impazzito che sale sul palco e, come da copione, si scatena nel rito dello stage diving. Un caos ben immortalato dalle riprese, nitide e dinamiche nonostante le telecamere siano – così sembra di capire – soltanto due, e meno da un audio che non rende piena giustizia alla tecnica del quartetto e alla straordinaria potenza di inni quali Big Takeover, Attitude, Banned In D.C., Riot Squad, At The Movies o Pay To Cum… ma non importa: quando di tratta di documenti storici – e questo senza alcun dubbio lo è – non si può e non si deve andare troppo per il sottile.
Tratto da Il Mucchio Selvaggio n.628 del novembre 2006

Annunci
Categorie: recensioni | Tag: | 1 commento

Navigazione articolo

Un pensiero su “Bad Brains

  1. stefano

    Live straordinario di una band straordinaria.
    All’epoca del download “libero” era un must su molti blog che trattavano il genere.
    Fenomenali in studio e sul palco, con una marcia in più come raccontano anche gli hardorer con cui suonavano in quegli anni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

8th of May

wild cats walk longer

Withnail e io

Il blog di Carlo Bordone

juveniledelinquentmusic

Hi NRG ROCK'N'ROLL!!!!!!!!!!!!!!!

BABYSNAKES di Massimo Del Papa

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

PELLEeCALAMAIO di Gianni Gardon

Parole in libertà: pensieri sparsi su ciò che mi ronza per la testa e ciò che mi gira attorno.

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Venerato Maestro Oppure

Il primo blog di Eddy Cilìa

BASTONATE

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: